A Viareggio parlano di civita

 

Civita

Civita, è una frazione del comune di Bagnoregio, in provincia di Viterbo nel Lazio, fa parte dei borghi più belli d’ Italia.

Civita di Bagnoregio è denominata anche la città che muore, a causa della progressiva erosione del trrreno della collina e della vallata circostante, che ha dato anche vita a dei tipici calanchi.
 
La frazione rischia quindi di scomparire, ed è abitata al momento da sole 7 persone.
 
È raggiungibile soltanto attraverso un lungo ponte pedonale che ora in certe occasioni è percorribile per esigenze dei residenti anche con cicli e motocicli.
 
La.vegetazione delle colline è caratterizzata da calanchi brulli, a causa della loro natura argillosa, cosicché gran parte del terreno rimane spesso scoperto, anche in primavera.
 
La fauna comprende gli animali tipici dell’ alto Lazio e vi si trovano principalmente ricci, istrici, donnole, faine e cinghiali. In estate presenti la tortora e l’ upupa.
 
Curiosa è la numerosa presenza di gatti che si trovano nella frazione, si tratta di gatti domestici abbandonati, che va collegata al graduale abbandono da parte dell’ uomo dell’ ambiente.
 
Civita venne fondata 2500 anni or sono dagli Etruschi su una delle maggiori strade che collegava il Tevere al lago di Bolsena. La struttura urbanistica di Civita e’ etrusca mentre il rivestimento architettonico risulta medievale o rinascimentale.
 
Numerose sono le testimonianze del periodo etrusco e di particolare interesse è il cosiddetto Bucaione, un grande tunnel  che permette l’ accesso, direttamente dal paese, alla valle dei calanchi.
 
Molti resti poi sono stati rovinati dalle innumerevoli frane, cui i Romani, quando arrivarono nel 265 a.c., provarono a porre rimedio attraverso il contenimento delle acque piovane e il contenimento dei torrenti, opere peraltro già avviate dagli etruschi.
 
Ci sono diversi luoghi d’ interesse storico e dal 2005 i calanchi sono stati proposti come sito d’ interesse comunitario.
 
La mia esperienza con Civita…
 
Quando da Bagnoregio mi affacciai e vidi questo piccolo paese sulla cima di una collina che sembrava erigersi in mezzo al nulla..rimasi a bocca aperta.
 
Feci il biglietto, dal costo irrisorio, e mi avviai sul lungo camminamento in salita che portava alla frazione.
 
Da accanito fumatore non fu facilissimo per me, ma l’ emozione era tanta perché mi sentivo di star per visitare un posto unico, antico, che sarebbe rimasto impresso nella mia mente. E così fu.
 
Finita la lunga ascesa, ci trovammo di fronte ad un antico portone di probabile era medievale, che varcammo, trovandoci immersi in una cittadina tipo da favola.
 
C’ erano molti turisti di diverse nazionalità e il luogo era abbastanza affollato, ma come una sorta di dovuto rispetto faceva a tutti mantenere un tono della voce basso di modo che la nostra visita non fu disturbata dagli altri.
 
C’ erano angoli bellissimi, che richiamavano i tempi che furono, stretti vicoli che meritavano foto, molti negozietti caratteristici e di souvenirs…
 
E capitava passeggiando di potersi affacciare a feritoie che permettevano lo sguardo sul vuoto che circondava la frazione, altissima, in mezzo al nulla..da restare attoniti.
 
Visitammo la chiesa della piazzetta principale è ci fermammo a goderci uno squarcio di vita impensabile in un qualsivoglia altro posto io consosca.
 
Molto si è mantenuto intatto dal medioevo o dal rinascimento e sentivi di camminare su vicoli già battuti da tanti nostri antichi antenati.
 
Ci fermammo a prendere un caffè seduti e ci godemmo la vista dei turisti che con le loro macchine fotografiche immortalavano le piccole bellezze ( cosa per altro che ho fatto pur io).
 
Già perché l’ immagine che mi è rimasta e di una grande città, in bellezza, ma ridotta in miniatura, tutto sembrava molto piccolo da essere contenuto nell’ esiguo spazio che permetteva la cima della collina.
 
E poi che dire di Civita, è un Borgo bellissimo, tra i più belli d’ italia, e vale bene la pena essere visitato, perché è molto ben curato e delizioso nei particolari.
 
E poi da Bagnoregio vederla erigersi sul niente, è uno spettacolo .mozzafiato che merita di essere visto, e Civita merita di essere vissuta, perché è una piccola realtà credo unica per le sue caratteristiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “A Viareggio parlano di civita”

Infopoint h24 (beta)