Bigiotti ed il modello Civita


Bigiotti chiamato nel Biellese per esporre il “modello Civita”

Il sindaco di Bagnoregio invitato dal Comune di Candelo

Civita di Bagnoregio diventa sempre più un caso di studio. Il sindaco Francesco Bigiotti ha ricevuto in questi giorni l’invito a partecipare, insieme al presidente dei Borghi più Belli d’Italia Fiorello Primi, a un incontro che si terrà a Candelo. 

Una trasferta nel Biellese per raccontare il modello Civita agli amministratori del comune piemontese che stanno valutando la possibilità di rendere a pagamento la loro attrazione: il Ricetto. Si tratta di una porzione del centro storico di Candelo che di fatto è uno spazio fortificato e di epoca medioevale, utilizzato per proteggere i beni del signore locale e della popolazione del borgo.

Il Ricetto, come Civita, ha un unico ingresso e da anni gli amministratori si stanno chiedendo come sviluppare un’adeguata politica turistica. Così il modello Bagnoregio interessa e l’invito diventa una notizia per il giornale nazionale La Stampa che ha intervistato il sindaco Mariella Biollino: “Ascolteremo la loro esperienza (riferito a Bigiotti) poi valuteremo come agire. Magari con una fase sperimentale, con ingresso pay alla domenica”.

“Con piacere siamo a disposizione di altri borghi d’Italia che intendono sviluppare politiche turistiche capaci di determinare crescita e occasioni per i propri cittadini – così il sindaco Bigiotti -. Il lavoro fatto in questi anni su Civita sta diventando un modello da studiare e cresce sempre più l’interesse su quanto siamo stati in grado di determinare. La strada è ancora lunga e per quanto ci riguarda stiamo appassionandoci sempre più alla prospettiva di un turismo sostenibile. Credo che rappresenti la via per un Paese come l’Italia che di fatto, come ama dire il Ministro Franceschini, è un museo diffuso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *