Bigiotti nel Biellese per raccontare il “modello Civita”


Bigiotti nel Biellese per raccontare il “modello Civita”

“Alla base dei risultati che abbiamo ottenuto c’è la consapevolezza del valore del nostro territorio”

Civita di Bagnoregio, oltre che un modello, diventa sempre più un caso di studio. Così il sindaco Francesco Bigiotti si è recato questo sabato in trasferta nel Biellese, invitato dal Comune di Candelo a raccontare il lavoro costruito in questi anni nella Teverina.bigiotti nel biellese

Un incontro per raccontare il modello Civita agli amministratori del comune piemontese, che stanno valutando la possibilità di rendere a pagamento la loro attrazione: il Ricetto. Si tratta di una porzione del centro storico di Candelo che di fatto è uno spazio fortificato di epoca medioevale, utilizzato per proteggere i beni del signore locale e della popolazione del borgo.

Il Ricetto, come Civita, ha un unico ingresso e da anni gli amministratori si stanno chiedendo come sviluppare un’adeguata politica turistica. La stampa di Biella ha dato risalto a questo appuntamento, ritenuto strategico per lo sviluppo di lungimiranti politiche turistiche del territorio. Così sull’Eco di Biella è uscita una bella intervista al sindaco Bigiotti, dove lo stesso racconta il lavoro portato avanti in questi anni e i risultati raggiunti.

Bigiotti è stato accolto con grande entusiasmo dal sindaco di Candelo Mariella Biollino. “Alla base del lavoro che stiamo portando avanti c’è la consapevolezza che il nostro territorio, passando per organizzazione e giuste strategie, può rinascere davvero come luogo turistico. Ci abbiamo creduto con forza all’inizio e oggi i risultati ottenuti ci danno ancora più coraggio per andare avanti e fare sempre meglio. Ci auguriamo che quanto abbiamo imparato negli anni possa essere utile anche ad altri comuni, per questo siamo andati a Candelo. Mettere in circolo idee, sviluppare relazioni e aprire nuove strade è sempre una cosa positiva e utile per tutti”. Così il primo cittadino di Bagnoregio Bigiotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *