Rai Radio Uno a Bagnoregio per due giorni

Rai Radio Uno in diretta da Bagnoregio con due trasmissioni

Rai Radio Uno a Bagnoregio per due giorni per raccontare la bellezza del territorio e i murales di Sant’Angelo di Roccalvecce. Un riconoscimento della centralità di Bagnoregio nello sviluppo turistico dell’intera Tuscia.

L’importante canale radio sarà presente con ben due trasmissioni: Centocittà e Marypop, che trasmetteranno da La Casa del Vento in maniera fruibile anche da appassionati e curiosi. 

All’interno della stessa Casa del Vento sarà presente, fino a fine maggio, la mostra ‘Sant’Angelo il Paese delle Fiabe nelle Foto di Moreno Maggi’. Si compone di 23 fotografie dei murales di sant’Angelo più una gigantografia di 2,66 metri per 2 del murale di Alessandra Carloni dal titolo ‘Il volo di Civita’, dedicato a Bagnoregio.

Centocittà  è in onda venerdì dalle 9.30 alle 10.30. Condotto da Ilaria Amenta e con inviata Diana Alessandrini, avrà come ospiti il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti, il presidente dell’associazione Acas Gianluca Chiovelli e il sindaco di Viterbo Giovanni Arena. Marypop è in onda sabato dalle 10.30 alle11.00. Condotto da Maria Teresa Lamberti e con inviata Diana Alessandrini, avrà come ospite lo psichiatra Paolo Crepet, il fotografo internazionale di architettura e autore delle foto della mostra, le artiste Tina Loiodice e Alessandra Carloni e lo chef di Celleno Andrea Sterpino. 

A Sant’Angelo dal 10 al 12 maggio, ideato sempre dall’ACAS, si svolgerà il primo Festival dei Murales di Sant’Angelo con una serie di iniziative che coinvolgono anche le scolaresche elementari del viterbese. I bambini e i turisti avranno la possibilità di vedere tre artiste al lavoro mentre ultimano le loro opere: Tino Loiodice,Pinocchio; Alessandra Carloni,Il volo di Civita; Stefania Marchetto, La spada nella roccia.

Domenica 12 maggio il Circolo Bateson, gruppo di accademici e filosofi, sarà a Sant’Angelo per studiare l’impatto del progetto sul territorio della Tuscia.

Inoltre sempre domenica 12 maggio l’associazione La Via degli Artisti organizza la Giornata sul sentiero dei castelli e delle fiabe, a partecipazione gratuita: una camminata a piedi e in bicicletta di 8 km con partenza alle 9.30 da Celleno, passando per il borgo fantasma, poi toccando Roccalvecce con il castello e infine arrivo a Sant’Angelo e visita ai murales. Prenotazioni al numero 328.4489106

Sempre domenica 12 maggio a Sant’Angelo ci sarà anche il sindaco di Selci in Sabina, Egisto Colamedici, comune che ha già realizzato 11 murales e interessato a un gemellaggio con Sant’Angelo. 

Il 27 novembre 2017, col grande murale di Alice nel paese delle meraviglie, ha cominciato a prendere forma Sant’Angelo il Paese delle Fiabe. Un progetto curato dall’associazione ACAS, che già conta 17 opere e vedrà la progressiva creazione, lungo le vie del borgo, d’un itinerario di murales e installazioni ispirati alla fiaba, alla letteratura fantastica e alla

leggenda: un museo a cielo aperto rivolto a tutti, piccoli e grandi, turisti e semplici curiosi, in grado di valorizzare il ricchissimo folclore locale ed europeo e aprirsi all’apprezzamento di ogni cittadino del mondo. 

Esso si inserisce nel generale moto di valorizzazione e rinascita della Tuscia, guidato dall’esperienza vincente di Civita di Bagnoregio, ormai principale attrattore turistico dell’intero territorio e che infatti ha da subito accettato di partecipare al progetto con un proprio murales e di ospitare questa mostra nella suggestiva struttura della Casa del Vento.

Le opere sui muri e sulle pareti di Sant’Angelo, Il piccolo principe e Hansel e Gretel, Don Chisciotte e Pinocchio, solo per citarne alcune, si stanno lentamente fondendo col paese reale in un gioco dove il vero e la fantasia si rincorrono e confondono continuamente.

Tina Loiodice, Daniela Lai, Lidia Scalzo, Isabella Modanese, Stefania Capati, Cecilia Tacconi, Alessandra Carloni, Stefania Marchetto sono le autrici che hanno regalato e regaleranno i murales che andranno a formare un ideale paese delle Dame Artiste.

Moreno Maggi è il fotografo che queste opere ha catturato e con loro istanti di vita del borgo, visitato da turisti e curiosi, da famiglie, da filmmaker, da studiosi, che sempre in numero maggiore si interessano al fenomeno a cui il paese sta dando vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate
Infopoint h24 (beta)
Powered by Civita di Bagnoregio